Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

350 tonalità di verde

La ricerca della felicità verde
Forfatter: Bjørn Stærk
Forlag: Humanist forlag (Norge)

La critica sistemica di Bjørn Strong è difficile non essere d'accordo, ma le sue verità non sono necessariamente altre.

Con una vista dal sedile della bicicletta, il dibattitore sociale Bjørn Stark ci conduce attraverso una caccia di 350 pagine per la felicità verde. Dal portabagagli ho fatto un viaggio davvero piacevole, nonostante il fatto che lungo il tragitto pensassi che il viaggio avrebbe potuto essere più breve.

La narrazione del libro è radicata nel soggetto dell'autore, che partecipa e vede il mondo e che lungo la strada trasmette un flusso di pensieri sulla felicità umana, la responsabilità e lo stile di vita. Passo dopo passo, il paziente lettore è guidato nella direzione di un'esperienza che si acuisce contro la moderna cultura del consumo e la sua ricerca del progresso e della crescita. Forse può essere classificato come una ricerca fenomenologica del nucleo della qualità della vita verde?

Un testo aperto

Incontriamo una prospettiva che valorizza il concreto, locale e umano, con enfasi sulla dignità, il potere di base, la diversità e la sostenibilità. Questa serie di parole di lode può essere contrastata con l'astratto, globale e di vasta portata, ciò che è caratterizzato da efficienza, tecnocrazia, unificazione e sconfinate. Lo scopo dell'autore non è abbattere quest'ultimo ordine, ma elevare il valore dei primi concetti. In tutto il libro, mostra che ci sono pensieri premurosi e contenuti genuini in questo vocabolario. Bjørn Stærk si fonde così in un paesaggio verde con tracce che risalgono al XIX secolo. Allo stesso tempo, rimane saldamente radicato nella società moderna e urbana. È quindi un po 'scettico nei confronti di chi idilliaca la vita nella natura, lontana dai sentieri battuti: la felicità verde si può trovare anche nell'interazione con le qualità della vita cittadina. C'è senza dubbio una stima di ambiguità in ciò che è scritto. Un'apertura in più direzioni, rafforzata da quella che sembra essere una sorta di rapporto di amore / odio con il conservatorismo. Ho un senso di questa disponibilità a riconoscere la complessità. Di fronte alle sfide del nostro tempo, abbiamo bisogno di meno pregiudizi e più accettazione dell'ambiguo e del complesso.

Valorizza fortemente il concreto, locale e umano, con enfasi sulla dignità, il potere di base, la diversità e la sostenibilità.

La tua verità e la mia. Dopo il giro in bicicletta nella natura e di nuovo in città, i riflettori del libro sono sulla società dei consumi e sulla tendenza a ridurre noi umani a consumatori. La critica del sistema è chiara, è illuminante e colpisce come ci si sente. Chiunque legga gli esempi evidenziati senza arrabbiarsi per l'ingiustizia del mondo manca di empatia. Allo stesso tempo, Stærk annuncia che questo non è un campo semplice. Il sistema è mantenuto non solo dai capitalisti, ma anche dai governi che non intervengono – e da noi consumatori, che attraverso i nostri desideri di beni sempre nuovi e sempre più economici aiutiamo a legittimare un sistema di produzione spietato.

- annuncio pubblicitario -

Nel capitolo successivo, l'autore cerca di mostrare opportunità per liberarsi dal ruolo di consumatore. Ci sono molte belle e appropriate considerazioni qui, ma il problema del punto di vista soggettivo diventa chiaro in questa parte del libro. Dal punto di vista in prima persona, la propria esperienza spesso appare inequivocabilmente vera, con il risultato che l'autore trascura la possibilità che la verità del lettore possa essere diversa.

Non sempre colpisce

"Meno penso come consumatore, più penso al denaro", afferma Stærk nel libro. Capisco cosa sta cercando di dire la frase. Se sei così coinvolto nel vortice della logica del consumo che tutto il denaro che guadagni (o prendi in prestito) scompare, allora forse è il momento maturo per pensare di più al denaro, a come viene speso, se può essere utilizzato in modi migliori.

Tuttavia, la citazione citata non colpisce questo lettore. Al contrario, penso poco ai soldi e non ho mai considerato la creazione di bilanci o conti delle mie spese. Forse è per il fatto che la mia ribellione contro la logica del consumo è arrivata prima nella vita rispetto a Bjørn Stærk? Avevo solo 18-19 anni quando ho dichiarato, forte e chiaro, che avrei dovuto vivere la mia vita in modo che i soldi non diventassero mai la cosa più importante. Quella visione è stata realizzata attraverso il basso consumo. È così che ho sperimentato che decidere di aver bisogno di meno è una fonte di libertà.

Quello che sto dicendo qui è più o meno lo stesso che vuole l'autore del libro. Eppure la sua formulazione non è la mia verità. Vedendo ciò concretamente come in questo esempio, capisco meglio perché sento resistenza in altre parti del libro – qua e là dubito che ciò che viene detto colpirà tutti. Questo è più visibile nelle riflessioni sulla morale e sui valori, dove a volte viene fatto per rapidi salti dai propri pensieri alle verità generali. Tuttavia, questa critica non deve essere sovrainterpretata: anche se pongo le mie contro-domande, non possono oscurare tutta la conoscenza e la volontà di riflettere che trasporta il libro dall'inizio alla fine. Non c'è dubbio che l'autore sia un uomo saggio, che ha la capacità di invitarci in uno spazio riflessivo dove sia i nostri valori che le nostre azioni sono sfidate in modi importanti.

Senza cuciture e aderenti

La ricerca della felicità verde è un testo prolisso che con i suoi colpi di scena costantemente nuovi crea sfumature e incoraggia i pensieri – ma avrebbe potuto con vantaggio essere rafforzato. Il fatto che i capitoli siano 50-60 pagine, senza sottocapitoli separati, chiarisce il punto. È impressionante come il testo scorre senza soluzione di continuità da tema a tema, ma la lettura sarebbe stata meno faticosa e più facile da memorizzare se i sottocapitoli ci avessero offerto pause regolari per respirare. Ora ho comunque finito il libro e posso quindi affermare che il suo messaggio è importante, presentato attraverso un linguaggio buono e di facile lettura, in cui sia le singole sequenze che l'insieme danno molti buoni input all'idea.

Svein Hammer
Hammer è un dr.polit. in sociologia e revisore regolare in Ny Tid.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Notifica / Il governo non ha rafforzato la protezione degli informatoriIl governo non ha dato seguito alla proposta del comitato di notifica, né al proprio difensore civico per le notifiche né al proprio comitato di notifica.
Finanza / Socialismo nordico – Verso un'economia democratica (di Pelle Dragsted)Dragsted ha una serie di suggerimenti su come i dipendenti possono ottenere una quota maggiore della "torta della comunità" – ad es. chiudendoli nelle stanze dei dirigenti aziendali.
Il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite / Segreti ufficiali (di Gavin Hood)Katharine Gun ha fatto trapelare informazioni sulla richiesta della NSA al servizio di intelligence britannico GCHQ di spiare i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione alla prevista invasione dell'Iraq.
3 libri sull'ecologia / I gilet gialli hanno il pavimento, ... (di Mads Christoffersen, ...)Dai Gilet Gialli vennero nuove forme di organizzazione all'interno delle funzioni di produzione, alloggio e consumo. E con "Decrescita", a partire da azioni molto semplici come la protezione dell'acqua, dell'aria e del suolo. E il locale?
Società / Crollo (di Carlos Taibo)Ci sono molte indicazioni che si avvicina un crollo definitivo. Per molte persone il crollo è già un dato di fatto.
Chic radicale / Desiderio postcapitalista: le lezioni finali (di Mark Fisher (ed.) Introduzione di Matt Colquhoun)Se la sinistra vuole diventare di nuovo dominante, deve, secondo Mark Fisher, abbracciare i desideri che sono emersi sotto il capitalismo, non solo respingerli. La sinistra dovrebbe coltivare tecnologia, automazione, giornata lavorativa ridotta ed espressioni estetiche popolari come la moda.
Clima / 70 / 30 (di Phie Amb)Il film di apertura al Copenhagen DOX: i giovani hanno influenzato le scelte climatiche della politica, ma Ida Auken è il punto focale più importante del film.
Tailandia / Combattere per la virtù. Giustizia e politica in Thailandia (di Duncan McCargo)Una potente élite in Thailandia – la vicina del Myanmar – ha cercato negli ultimi dieci anni di risolvere i problemi politici del paese con i tribunali, il che ha solo esacerbato la situazione. In un nuovo libro, Duncan McCargo mette in guardia contro la "legalizzazione".
Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato