Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

30-40

Negli anni Trenta non c'è preghiera: è qui che devi incontrare di nuovo il bambino, quello che hai perso da qualche parte lungo la strada.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Tutto ciò che è reale richiede tempo.
Ogni terza generazione – qualcuno dice ogni sette – generazione arriva qualcuno che pulisce e ricomincia. Se esiste il peccato originale, è tutto il male e la mancanza di amore che si è accumulato generazione dopo generazione. Alla fine, la recinzione diventa un enorme mucchio di neve davanti all'aratro, e sia esso che l'aratro crollano.
Se sei tu quello che in quel momento assumerà il posto di guida, o fallirai o ricominci da capo.

Martin, un simpatico filosofo del mistero danese vissuto nella seconda metà del XX secolo, ebbe un'illuminazione da giovane. E ha scritto, letteralmente, scaffali di parole. Voleva dire che all'inizio dei trent'anni ricominci da dove sei morto nella vita precedente. Semplicemente non puoi sfuggire al tuo fardello cosmico e devi andare avanti con il lavoro. Indipendentemente dal fatto che si creda o meno nella reincarnazione, è un dato di fatto che molte persone iniziano la terapia a questa età. La vita potrebbe non essere andata come avevi immaginato e i vecchi rifiuti dell'anima cominciano a puzzare. La verità ti corre dietro e ti raggiunge. Potrebbe essere un bisogno insoddisfatto o qualcosa che non volevi sapere. Sei scappato dal diavolo, ma prima o poi dovrai affrontarlo.

Screen Shot in 2015 09-15-12.10.45Non pretenderò che tutti hanno bisogno di una terapia. Ma se sei cresciuto in un ambiente che non corrispondeva alla tua personalità, sì
probabilmente uso sdraiarmi sulla panchina. Perché questo genere di cose crea uno squilibrio nell’anima, e lo squilibrio a sua volta crea un’oscurità piena di energia cupa. Un inferno interiore, per così dire.
Se hai molti demoni interiori, c'è solo una cosa più pericolosa che affrontarli, ed è non farlo. Poi ti mettono fuori gioco e tendi a finire malato, pazzo, alcolizzato o tossicodipendente.
Nessuna posizione da sogno, esattamente.
Alcuni hanno paura della terapia. Sentono che è come sdraiarsi su una panchina da macello e perdere l'anima. Ma questo è sbagliato. Sì, qualcosa in te muore, ma ciò che scompare non serve più. È carne morta che ti trascina nello sconforto e nella passività.
Andare in terapia è, al contrario, una rinascita. Per avere un'anima più sana.
Nella psicoanalisi classica, ti sdrai su un divano e lasci che i tuoi pensieri si associno liberamente, per procedere lentamente ma inesorabilmente verso una cura. La cosa interessante è che questa non è affatto un'invenzione moderna di Freud, ma un'astuta evoluzione di antichi rituali religiosi, in cui viene scelta una vittima, che viene poi posta su un altare e uccisa.
Qualcosa viene sacrificato affinché la nuova vita possa risorgere. Anche il massaggio ha qualcosa di simile. Ti sdrai orizzontalmente su una panchina e sacrifichi i muscoli tesi per un migliore flusso sanguigno e una nuova vita.
Se l'individuo ha un unico obbligo nel rapporto con se stesso, è quello di ricercare la sua essenza, quella che magari era da bambino, ma che è scomparsa lungo il cammino. E nella misura in cui gli altri hanno un obbligo nel loro rapporto con l’individuo, è quello di aiutarlo in questo. In questo sta l’essere una brava persona e una buona società.

Qualsiasi uccello canta con il becco, si dice. E così dovrebbe essere.
Verso i trentacinque anni, la maggior parte delle persone, non ultimi gli schiavi d'ufficio, accusano anche dolori al collo, alle spalle e alla schiena. Stanno emergendo malattie geneticamente predisposte. Qui non c'è altro da fare che fare qualcosa.
La mia massaggiatrice da 15 anni, Pål Mabøl, dice che esistono due forme di movimento. Uno va verso la vita, l'altro verso la morte. Il movimento verso la morte è non fare nulla, essere passivi.
Questo decennio, e il prossimo, in generale, è il momento della tua vita in cui le parti di te che non hanno avuto il dovuto si fanno avanti.
Mi fa pensare a Åge W, con il quale ho frequentato le scuole superiori. Da adolescente trasudava sicurezza atletica e sessuale. All'epoca ero geloso di lui, per la sua evidente presenza nel mondo, anche se difficilmente lo ammettevo. Dopotutto era solo un simpatico ma semplice sportivo che giocava a calcio. Ero così saggio, ho pensato.
18 anni dopo, eravamo entrambi sui trentacinque anni, ci incontrammo sul treno notturno tra Trondheim e Oslo. Åge aveva ancora un bell'aspetto e potevo vedere l'eros bruciare nei suoi occhi, come quando aveva 16 anni. Anche quando di tanto in tanto fissava voracemente una donna sexy in fondo allo scompartimento.
Åge e io abbiamo iniziato a parlare della scuola secondaria.

Martinius credeva che all'inizio dei trent'anni si ricomincia da dove si è morti nella vita precedente.

- Allora ero geloso di te, mi disse all'improvviso. Lo guardai sorpreso.
- Sei geloso di me? Perché?
- Perché eri orientato intellettualmente.
All'inizio ero senza parole, poi ho iniziato a ridere. E dovevo dirgli la verità, che ero geloso di lui perché non era orientato intellettualmente.
Già allora, da adolescenti, cominciavamo a sentire la mancanza di ciò che non avevamo sviluppato in noi stessi.
Più tardi ho scoperto che Åge aveva iniziato a lavorare come giornalista in uno dei principali giornali di dibattito, diventando addirittura uno scrittore innovativo. Io stesso sono diventato un pignolo per il fisico, anche per quanto riguarda il sesso.
Credo, da platonico convinto, che esista una forma ideale di noi stessi, verso la quale tutti tendiamo. Non si tratta di un oggetto concreto, ma di un'esigenza ideale, di un equilibrio a cui tende la natura che è in noi.
Se sei troppo concentrato sulla tua testa, devi scendere. Se hai troppo nel tuo corpo, cerchi verso l'alto.
Forse esiste una forma ideale di vita stessa? E che tutto vada in questa direzione. Qui, come su un pianeta dall'altra parte dello spazio.
Non lo so.
All’età di trent’anni cominciai un percorso psicoterapeutico che durò molti anni. Mentre salivo le scale verso lo studio dello psicologo, all'uscita incontravo ogni volta una faccia devastata e singhiozzante. Lei, una ragazza sui venticinque anni, aveva, come al solito, fatto un faticoso viaggio di 45 minuti nel suo cosmo.
Non ci siamo mai salutati. C'era qualcosa di imbarazzante nell'essere esposto in tutta la sua impotenza. Forse stava andando al lavoro? Gli psicologi sono dell'opinione che il paziente dovrebbe idealmente lavorare e guadagnare denaro per pagare il trattamento da solo. Freud credeva che sei sano quando puoi lavorare e amare un altro essere umano.
Nell'ufficio piccolo-borghese gli psicologi hanno sempre qualcosa di ipercontrollato, io mi sono sdraiato sul famoso divano da vittima quale ero, per rifarmi una vita. Lo psicologo si sedette dietro di me. Se si sarebbe annoiato o si sarebbe addormentato, per me era impossibile vederlo.
Ho sempre iniziato a parlare di ciò che avevo fatto, pensato, sentito o sognato dall'ultima volta.
Lentamente ma inesorabilmente sono sceso in una spirale che mi ha portato verso un punto. Qualcosa che avrei toccato, o non avrei toccato affatto. Qualcosa di tenero, doloroso. Era come se ci fosse qualcosa laggiù che voleva che ci arrivassi.
È questo “qualcosa” che ci dice quando ci ammaliamo o tutto si ferma. Ed entrare in contatto con esso è il punto di partenza per iniziare la guarigione di se stessi; non ti promette oro e foreste verdi, felicità eterna e una vita completamente priva di malattie. Ma ti dice che puoi ricominciare da capo.

Delle mattine è stato come se il viaggio verso questo punto non fosse mai iniziato, altre volte avesse centrato subito l'obiettivo. Potevo provare una grande felicità o una grande tristezza. Poteva nascere in me un'aggressività violenta, una rabbia così nera da essere puro odio. Tutti i lati di "qualcosa" che era laggiù.
E questo “qualcosa” sei… tu, la tua piccola anima. So che sembra patetico e infantile quando lo dico in modo così diretto. Ma poi c'è anche un bambino. È il bambino di cui ho parlato nel capitolo precedente, quello che hai perso da qualche parte lungo la strada. Non c'è niente di più bello e terrificante al mondo che incontrare di nuovo te stesso, la tua essenza.
Ma è il fondamento stesso della guarigione e della libertà.

"Sono un'ombra di me stesso. Solo Dio conosce il mio nome", scriveva Jorge Louis Borges. Un'affermazione incredibilmente bella, ma non deve essere completamente vera, per sempre.

krutzkoff@hotmail.com
krutzkoff@hotmail.com
Krutzkoff Jacobsen è stato recentemente assunto come consulente per cortometraggi presso NFI.

Potrebbe piacerti anche