25 anni dopo l'accordo di Oslo

Prevenire la Palestina. Una storia politica da Camp David a Oslo.

Dopo essere entrato in porto l'accordo di Camp David nel 1978 ha in seguito reso difficile soddisfare il desiderio dei palestinesi di uno stato indipendente, scrive lo storico Seth Anziska in un nuovo libro.

(Questa traduzione è fatta da Google Gtranslate)

Quarant'anni fa, Egitto e Israele hanno fatto pace l'uno con l'altro. L'accordo fu firmato il 17 settembre 1978 e l'assistente alla nascita era allora presidente degli Stati Uniti, Jimmy Carter. Far incontrare il leader israeliano, Menachem Begin, e il presidente egiziano Anwar Sadat per gli ultimi frenetici negoziati presso l'ufficio presidenziale americano, Camp David, e persino farli firmare le loro firme non è senza motivo considerato un'importante svolta diplomatica. Ed è anche considerato uno dei maggiori successi di Carter nel corso dei quattro anni alla Casa Bianca.

Tuttavia, l'accordo può essere visto anche sotto una luce diversa. Oltre ad essere un accordo di pace tra i due paesi, aveva anche come obiettivo generale di risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi.

Come sapete, questa seconda parte dell'accordo non è mai stata nulla. Oggi, la pace in quella parte del Medio Oriente sembra più distante che mai e ci sono molte ragioni. Ma Seth Anziska, un ricercatore presso l'University College di Londra, ha ora effettuato un'analisi che conclude che la pace di Camp David ha effettivamente consentito sia a Israele, sia agli Stati Uniti che all'Egitto di allungare le gambe per tentativi successivi di soddisfare il desiderio dei palestinesi di stato indipendente. Conosciamo già molte delle circostanze, ma Anziska ha riletto l'intero processo e su tale base sostiene che Camp David era probabilmente la celebrità di Carter, ma anche un lavoro fatto a metà.
...

- annuncio pubblicitario -

Caro lettore. Hai letto oltre 15 articoli gratuiti, possiamo quindi chiederti di iscriverti Abbonamento? Quindi puoi leggere tutto (comprese le riviste) per 5 euro.

Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare a Ny Tid. Residente a Tel Aviv.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato