Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

I pregiudizi culturali del benessere dei bambini 

Suranya Aiyar
Suranya Aiyar
Scrittore e attivista.
BENESSERE DEI BAMBINI / In questa cronaca, viene sollevata la questione se l'agenzia per la protezione dell'infanzia avesse ragione riguardo alla famiglia Bhattacharya.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

TEMPI MODERNI di cui ha scritto questo caso e 2012.  

La storia dei bambini Bhattacharya è di nuovo rilevante, dieci anni dopo che il caso dei bambini che erano stati allontanati dall'agenzia per la protezione dei minori di Stavanger aveva suscitato scalpore in India. Il motivo è che il lancio del lungometraggio La signora Chatterjee contro la Norvegia arriva nei cinema in Norvegia il 17 marzo. Il film è basato sulla storia della madre dei bambini, Sagarika Chakraborty. La madre è interpretata da una famosa star del cinema indiano, Rani Mukerij. 

Facsimile da NDTV

Dieci anni fa, dopo aver letto sui media del caso Bhattacharya, sono stato coinvolto nella campagna per riavere i bambini. La campagna è stata avviata dal membro del parlamento indiano Brinda Karat. Alla fine il governo indiano è intervenuto e i bambini sono stati riportati a Sagarika (Chakraborty).

Gunnar Toresen, all'epoca responsabile della protezione dell'infanzia nel comune di Stavanger, ha reagito alla notizia del film facendo diverse dichiarazioni su quanto accaduto dieci anni fa. Naturalmente, i funzionari coinvolti nel caso difenderanno le loro azioni. Ma il dissotterramento delle accuse avanzate dieci anni fa sul caso Battacharya non risponde alle domande che sorgono oggi in relazione al caso.

Ha fatto a pezzi la famiglia

La domanda più interessante è come spiegare il fatto che i bambini se la siano cavata così bene, essendo stati allevati in India dalla madre e dalla nonna, sotto la supervisione della società, degli insegnanti, dei medici e degli amici.

È ovvio che ci sono motivi per dubitare che il Child Welfare Service avesse ragione riguardo alla famiglia Bhattacharya. Sagarika ha cresciuto i suoi figli da sola in questi anni. I servizi di assistenza all’infanzia dividono la famiglia: di fronte a un bullo, alcuni si sottomettono mentre altri combattono. Il welfare infantile ha approfittato dei diversi atteggiamenti dei genitori, aumentando così il livello di tensione tra i genitori.

Il risultato fu che Sagarika, che aveva immaginato una vita da casalinga, si ritrovò improvvisamente sola e unica capofamiglia con due bambini piccoli. Era tenace e addestrata in software e gestione aziendale. I suoi genitori l'hanno sostenuta durante i suoi studi e da allora ha lavorato per una multinazionale di software.

Questo dice qualcosa sulla forza e sulla personalità di Sagarika. Dimostra la sua capacità di gestire i problemi. Si tratta della stessa donna che le autorità per l'assistenza all'infanzia pensavano non potesse occuparsi dei bambini. Anche la protezione dell'infanzia credeva che Sagarika fosse "instabile". Sagarika ha ora dimostrato di essere stabile da dieci anni, in realtà è una giovane donna ben funzionante e impressionante.

In Occidente, sono quasi esclusivamente i bambini dei poveri e dei vulnerabili ad essere curati dalla protezione dell'infanzia: misure di welfare?

C'è qualcosa da imparare dalla resilienza di Sagarika di fronte alle avversità. Lo stato sociale ha dimenticato ciò che le persone possono realizzare da sole? Una cosa è aiutare gli altri bisognosi, ma vedere i bisognosi come incapaci di crescere i propri figli è una caratteristica inquietante di una società del benessere. In Occidente, sono quasi esclusivamente i bambini dei poveri e dei vulnerabili ad essere curati dalla protezione dell'infanzia: misure di welfare?

Burocrazia senza cuore

Toresen e altri sostengono, falsamente, che la famiglia Battacharya abbia legami politici in India. I genitori provengono da circostanze ordinarie, senza ricchezza o legami. L’India potrebbe non avere gli stessi programmi di welfare dei paesi sviluppati, ma è proprio per questo che tra i politici di sinistra, come Brinda Karat, c’è la cultura di ascoltare sempre coloro che bussano alla porta e chiedono aiuto.

Il Mahatma Gandhi lottò per l'indipendenza sia dei contadini che dei poveri. L'impegno politico per la causa di Sagarika deve essere visto nel contesto dell'eredità di Gandhi: è dovere dei leader impegnarsi in questioni che riguardano i deboli e gli svantaggiati.

Invece di sostenere ciecamente la protezione dell’infanzia, i norvegesi potrebbero prendere la storia dei bambini di Bhattacharya come esempio di ciò che si perde quando l’impegno umano individuale viene sostituito da una burocrazia senza volto e senza cuore.

Nelle sue memorie Il viaggio di una madre (2022), Sagarika solleva alcune serie domande sui pregiudizi culturali tra gli operatori sociali norvegesi dell’assistenza all’infanzia. In una scena straziante, Sagarika descrive come il case manager – di origine inglese – le dice che sono stati gli inglesi a civilizzare l'India, e che gli indiani "correvano in giro nudi" prima dell'arrivo degli inglesi. Sagarika ha risposto con una conferenza su Rabindranath Tagore. Ne è seguito un intenso scambio di opinioni, che ha portato ad aumentare l'antipatia del case manager per Sagarika.

Gli operatori sociali non avevano idea che la "tigre del Bengala" si scatena quando la cultura bengalese viene violata. Tagore era un combattente per la libertà, poeta, drammaturgo, filosofo e artista bengalese. Divenne premio Nobel per la letteratura nel 1913. Tagore è una stella nel firmamento delle conquiste culturali e intellettuali bengalesi.

I bengalesi, forse più di ogni altro indiano, hanno una profonda comprensione del loro posto nella storia e del loro contributo alla cultura non solo dell’India ma del mondo. Ad esempio, Satyajit Ray (1921-1992) è stato un regista bengalese riconosciuto a livello internazionale, con film che hanno vinto premi a Venezia e Cannes.

Rani Mukerji

Il bengalese

Mi stavo chiedendo come Sagarika abbia fatto sì che un'attrice così brava come Rani Mukerji interpretasse il ruolo principale nel film La signora Chatterjee contro la Norvegia. Ma quando ho visto il trailer del film, ho potuto vedere chiaramente la motivazione di Mukerji in ogni scena. È chiaro che la cultura bengalese di Mukerji è stata risvegliata dall'atteggiamento sprezzante degli operatori sociali che si occupano di assistenza sociale all'infanzia. La produzione enfatizza anche il bengalese e diventa particolarmente suggestiva nel sari Dhakai splendidamente curato di Rani. Non lo spiegherò ulteriormente: è tempo che la Norvegia faccia uno sforzo per imparare cosa sia realmente l'India. 

Quando ho sentito parlare per la prima volta del caso di Sagarika, mi è venuta in mente una storia sul film di Satyajit Ray Pather Panchali (1955). Concludo con questa storia: il film parla di una coppia di fratelli in un villaggio. In una scena, la sorella ruba un sottaceto e corre in un campo con suo fratello. Si accovacciano e fanno rotolare il sottaceto tra le dita, infilando la punta della lingua nel dolcetto acido in un modo molto indiano. Quando il film, pluripremiato a livello internazionale, fu proiettato al pubblico in Inghilterra, la gente uscì dalla sala durante questa scena, definendo il film "disgustoso". 

Tradotto da Iril Kolle

Vedi anche Il quotidiano

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Il futuro è già qui

COMUNITÀ: Cosa succede quando c’è un’ulteriore pressione sul calo dei tassi di profitto causata da prodotti più economici per i consumatori, innescata da una maggiore concorrenza? E con una sorta di controllo statale intensificato praticamente su tutti gli aspetti socioeconomici della vita?

Bilderberg sotto la copertura del Watergate

POTENZA: La vita di milioni di persone è influenzata da ciò che è stato architettato in un covo di ladri come la Lega Bilderberg, ma dalle decisioni non emerge nulla. Solo una sintesi: "La crisi energetica e le questioni di sicurezza sono stati gli argomenti di conversazione più importanti" – la gente non ha bisogno di saperne di più.

Intelligenza oltre l'umano

ECOLOGIA: Un groviglio di vita interconnessa. Gli sviluppi nel campo dell’ecologia e della tecnologia annunciano una nuova rivoluzione copernicana: anche il linguaggio, baluardo della presunta superiorità umana, appartiene alla natura e alle macchine. Può una definizione ampliata di intelligenza migliorare la nostra relazione con gli altri esseri?

Un orizzonte postcapitalista

SOLIDARIETÀ: Per una ricetta per una rivoluzione ecologica manca il soggetto che possa costituire la forza sociale attiva in grado di muovere la società verso un futuro radicalmente diverso. I futurismi radicali sono qui un nuovo pensiero per ciò che potrebbe venire.

Senza vergogna nella vita

VERGOGNA: L’attivista ambientale svedese Greta Thunberg ha nobili motivazioni per le sue invettiva contro l’establishment, ma fa anche parte di una tendenza moderna in cui la vergogna e il disonore sono diventati parte della politica quotidiana e del dibattito spesso distopico sui social media. Questo libro esamina più da vicino la vergogna.

La scelta di Sophie: "Non essere cattivo" o "Non essere buono"

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: In questo libro, Robert Leib teme che la nostra fiducia nell’intelligenza artificiale possa ritorcersi contro di noi. "Sophie" è una coscienza collettiva, una "tra tante".

Una sorta di grido primordiale creativo

USA: Cosa significa essere americano? Chi sono, come sono arrivati ​​dove sono oggi, dove hanno lasciato tracce culturali? Qui vediamo le voci del movimento per i diritti civili che ha ispirato gli hippy negli anni '70, paladini dei diritti dei gay e femministe per diverse generazioni.

Per leggere e decodificare i segni della natura

SOSTENIBILE: Un nuovo movimento all'interno dell'agricoltura che si basa sui cosiddetti principi rigenerativi lavora per aumentare il contenuto di humus, la vita microbiologica nel suolo e coltivare la capacità del suolo di legare la CO2.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.