È colpa nostra


NATURA DISTRUTTA: La caccia al profitto, il traffico illegale di animali selvatici e una popolazione in aumento che rileva aree naturali forniscono la base per i disastri. Covid-19 non è la vendetta della natura; abbiamo fatto questo a noi stessi.

Eckhoff è un recensore regolare di TEMPI MODERNI.
E-mail: ranveig.eckhoff@posteo.net
Pubblicato: 2020-06-10

Improvvisamente sono a casa a Berlino per la prima volta in due anni. È una sera di maggio; Sono seduto alla scrivania. In un mondo cancellato. Guardando fuori dalla finestra, dove le latifoglie minacciano di estinguere la luce dal lampione. Passano due e due persone. Alcuni praticano passi di danza nel parco. Altrimenti, una normalità implosa si è bloccata indefinitamente.

Uno degli innumerevoli eventi cancellati là fuori porta il nome WILD11, diretto da World Wilderness Congress. Per 45 anni, questo forum ecologico internazionale ha riunito leader di tutti i settori della società - qui ci sono rappresentanti della scienza, dell'arte, della finanza, dell'attivismo, dei governi e delle popolazioni indigene. L'obiettivo è coordinare nuove soluzioni a difesa della natura incontaminata del pianeta.

Nel marzo di quest'anno si sarebbero incontrati a Jaipur nel India, in cui l'organizzazione host locale


Caro lettore. Devi essere abbonato (69 SEK / mese) per leggere altri articoli oggi. Torna domani o accedi se hai un abbonamento.


Chiudi


Abbonamento NOK 195 quarti